Tour dei Bunker (Marina di Ravenna)

0.0012.00

Tour in esterna senza ingressi a pagamento

Clear
SKU:N/A
Categories:,

A Marina di Ravenna sopravvivono numerose testimonianze del passato. Le fortificazioni dei due grandi conflitti del secolo scorso presenti sul territorio rappresentano un vero e proprio museo a cielo aperto, recentemente riscoperto grazie all’opera di un gruppo di volontari.

PUNTO D’INCONTRO ED ORARIO Ex- stabulario, Via delle Nazioni 8 Marina di Ravenna – Ravenna
QUANDO LUGLIO: Sabato 10, 16°, 23° e 30° h.19.00

AGOSTO: Sabato  e 13° h.19.00

DURATA  2 ore circa
LINGUE DISPONIBILI Italiano
INCLUSO
Guida turistica abilitata
Radioguide professionali con auricolare mono uso

NOTE: Il percorso è totalmente a piedi, sono consigliati abbigliamento e scarpe comode. Itinerario sempre percorribile con sedia a rotelle o da persone a mobilità ridotta.

Chiediamo ai nostri gentili Clienti di indossare sempre la mascherina protettiva che copra naso e bocca e di mantenere una distanza di almeno un metro dalle altre persone.

Le radioguide fornite sono sempre sanificate con sostanze a base alcolica in concentrazione minima del 75% e gli auricolari mono uso.

Additional information

Scegli tipologia TicketIntero, Ridotto Sagra, Bambini, Gratuito

Il tour dedicato ai bunker e alla Linea Galla Placidia si snoda tra le vie di Marina di Ravenna in cerca di ciò che rimane del passaggio degli eserciti tedeschi e americani nel paese. Alcuni reperti sopravvivono in abitazioni private e sarà possibile vederli dall’esterno ancora ben conservati, altri ricorderemo attraverso foto d’epoca dove erano collocati e perché (viale delle nazioni) scopriremo alcuni metodi con cui i paesani a fine guerra hanno saputo riciclare materiale bellico e apprezzeremo alcuni bunker rimasti praticamente intatti in riferimento alla I e II guerra mondiale. La nostra guida non solo vi accompagnerà alla scoperta dei veri e propri reperti storici ma vi racconterà aneddoti dell’epoca, la vita dei soldati, gli obblighi della popolazione costretta a sottomessi agli invasori e l‘umore di coloro che hanno vissuto in prima i grandi conflitti mondiali.